Fate e supereroi

Chi ha studiato ci insegna che le fiabe aiutano i bambini a razionalizzare le sfide della vita. Quindi uno ascolta, impara e quando è il momento sa come comportarsi. Allora seguitemi per un istante: anche le “fiabe per adulti” dovrebbero avere la stessa funzione, no? Si racconta per razionalizzare, ogni storia è l’esempio di come si supera una sfida per tornare alla vita ordinaria più forti e maturi. Ma siamo diventati bulimici, le storie non ci bastano mai e veniamo sfamati in continuazione. Sto parlando di serie tv, Netflix e compagnia: c’è gente che divora episodio dopo episodio, senza staccarsi, senza fare caso magari che ha cambiato serie ed è passato da un horror a un poliziesco o viceversa. Come succede a Carmelo in “Bab-al-Sifà-o-come-si-intitolerà”. E tutte le saghe di supereroi supertormentati e supersfigati? Trilogie su trilogie non fanno che spingerci a rientrare in nuove storie, in perenne apnea. Uscire per fare la spesa è diventato la fuga dalla realtà, la pausa. Ormai le storie più consumate – quelle cinetelevisive – non insegnano più come fuggire dal bosco e sopravvivere al lupo: sono loro il bosco e ci spingono verso il centro, dove il lupo ha fame di nuove visioni. Il pubblico vive in quel mondo e non torna più in quest’altro per applicare gli insegnamenti appresi in un racconto.

Quindi, leggiamo più libri cartacei, più racconti di solo testo. Ma leggiamo quelli giusti.

Lascia una recensione

Dimmi cosa ne pensi

avatar
  Subscribe  
Notificami