Le battaglie degli italiani

Degli italiani non c’è da fidarsi, non hanno sangue per spenderlo in battaglie ma in risse e bisticci personali

   A parlare è uno dei protagonisti del libro, Giambattista Grieco, maestro napoletano, di fronte al campo su cui di lì a poco si scontreranno austriaci da un lato e francesi e piemontesi dall’altro; ma le parole sono comunque figlie di quell’Antonio Russello di cui ho già parlato.

Russello ha scritto “L’isola innocente” nel 1969 (e l’anno dopo il libro è stato finalista al Campiello). Sono passati tanti anni – contali pure – e non so se devo ammirare la capacità dell’autore di descrivere un carattere così profondo del nostro popolo, o se devo biasimare noi tutti per non essere stati capaci di cambiare nel frattempo.

E di più non sproloquio: chi è senza peccato, scagli la prima pietra.

Pagine su Antonio Russello:

Repubblica.it “Il rivale di Lampedusa scoperto dopo la morte

Centro Studi Antonio Russello “L’isola innocente. Recensione di Gaspare Agnello

2
Lascia una recensione

avatar
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
MaddaSecolo di lumi | Daniele Pitrè Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
trackback

[…]  A parlare è l’altro protagonista del libro, Giangiacomo Gibard, maestro svizzero, mentre brucia condannato al rogo. Era il XVIII […]

Madda
Ospite
Madda

Torino 09 settembre 1943, dal diario di un giovane ufficiale che osserva quel che resta del’esercito italiano ormai allo sbando “Ora davvero ammiro greci e jugoslavi. Vedo che valore essi hanno avuto a combattere anche dopo la sconfitta, come individui, in bande isolate, cosi’ che ancora non sono vinti. Ma e’ una virtu’ di genti forti e primitive e noi italiani non ci arriveremo mai”. Sicilia 1943, G. Chiesura